fisheat

Guida all’acquisto

Come distinguere un pesce fresco da uno non fresco
Tutto quello che dovete controllare:

PESCE FRESCO PESCE NON FRESCO
ASPETTO GENERALE Brillante, metallico e riflessi iridescenti Colorazione spenta, senza riflessi
ODORE Tenue, marino, gradito Forte, sgradevole, ammoniacale, acido
CORPO Rigido, arcuato Flaccido, molle
CONSISTENZA Soda e nel contempo elastica Molle, alla pressione si lasciano impronte
SECREZIONI Mancano Presenti e viscide
SQUAME Aderenti Non aderenti, si staccano facilmente
PELLE Unita, tesa, con colori vivi, cangianti Grinzosa, lacerabile, con colori spenti
OCCHIO Chiaro, in fuori, trasparente, pupilla nera Smorto, infossato nell’orbita, opaco, pupilla grigia
OPERCOLO Aderente, privo di macchie Leggermente sollevato, con macchie rosso-brune
BRANCHIE Rosee o rosso sangue, prive di muco, umide Giallastre, con muco, secche
CARNI Compatte, elastiche, bianche o rosee Molli, friabili, con bordo giallastro
COSTOLE E COLONNA Aderenti alla parete toracica e ai muscoli dorsali Non aderenti
VISCERI Lisci, puliti, brillanti; peritoneo aderente Rammolliti, gonfi; peritoneo fragile

 

Guida alle scelte del consumatore
convenienza all’acquisto nel periodo di maggior pesca:

MESE SPECIE
Gennaio nasello, sardina, sogliola, spigola, triglia
Febbraio nasello, sardina, sgombro, sogliola, spigola
Marzo acciuga, nasello, sogliola, triglia, …
Aprile acciuga, cefalo muggine, dentice, nasello, pesce spada, sardina, sgombro, sogliola, tonno, triglia.
Maggio acciuga, cefalo muggine, dentice, nasello, pesce spada, sardina, sogliola, tonno, triglia.
Giugno cefalo muggine, dentice, nasello, orata, pesce spada, sardina, sogliola, spigola, tonno, triglia.
Luglio acciuga, cefalo muggine, dentice, nasello, orata, pesce spada, sardina, sgombro, sogliola, spigola, triglia.
Agosto acciuga, dentice, nasello, orata, pesce spada, sardina, sgombro, sogliola, triglia.
Settembre acciuga, alalunga, cefalo muggine, dentice, orata, pesce spada, sardina, sogliola, triglia.
Ottobre alalunga, cefalo muggine, nasello, orata, pesca spada, sardina, sogliola, tonno, triglia.
Novembre acciuga, cefalo muggine, dentice, nasello, orata, sardina, sogliola, triglia.
Dicembre cefalo muggine, nasello, sardina, sogliola, spigola, triglia.

 

Il pesce nell’alimentazione umana

“PUNTI DI FORZA” DEL PESCE

  • Proteine di elevato valore biologico, pari a quelle degli animali da macello e da cortile
  • Grassi prevalentemente insaturi e pertanto “buoni”, quindi particolarmente indicati per l’alimentazione umana
  • Presenza di particolari acidi grassi (omega-3) dotati di importanti azioni sanitarie-nutrizionali
  • Presenza di vitamine quali la A, D, PP e del gruppo B
  • Elevata digeribilità, pertanto alimento “leggero” adatto anche per chi ha una digestione lenta
  • Facile masticabilità, quindi alimento indicato per chi ha problemi di masticazione
  • Basso livello calorico, nei pesci “magri” e “semigrassi”, quindi particolarmente consigliato per diete dimagranti

 

Contenuto in grasso dei prodotti ittici

GRASSI SPECIE
MAGRISSIMI Inferiore all\’1 % nasello, orata, razza, gamberi d\’acqua dolce, polpi
MAGRI Dall\’1 al 3 % sogliola, spigola, trota, palombo, rombo, calamari, seppie, mitili, ostriche, vongole
SEMIGRASSI Dal 3 al 10 % dentice, triglia, tonno, pesce spada, salmone, sarde
GRASSI Oltre il 10 % aringa, anguilla, sgombro

Digeribilità dei prodotti ittici

MOLTO DIGERIBILI ABBASTANZA DIGERIBILI MENO DIGERIBILI
razza, nasello, sogliola, spigola, trota, dentice, orata, sarago, cernia triglia, tonno, cefalo, palombo, pesce spada, mitilo, sarda, alice anguilla, aringa, sgombro, calamaro, polpo, seppia

 

  •  poster_taglie_minme_UNIMAR
  • Etichettatura dei prodotti ittici