fisheat

Molise, La vongola, il cibo povero dei pescatori

0,7% della flotta peschereccia nazionale
41,8% strascico
9,9% draga idraulica
48,4% piccola pesca

La vongola è un mollusco bivalve apprezzato fin nell’antichità con raffigurazioni presenti anche nei mosaici di Pompei. Nonostante le sue doti organolettiche, durante il periodo tra le due guerre era considerata in alcune regioni del Nord, cibo per poveri e da qui alcuni nomi dialettali come “poveraccia”, “pavarassa” o “purazi”.

La pesca viene svolta a bordo di tipiche imbarcazioni dette vongolare. Queste barche hanno un attrezzo, chiamato draga idraulica, che penetra per qualche centimetro nel fondo sabbioso, catturando tutti gli organismi presenti in quel tratto di sabbia.

Le vongole si prestano come ingredienti per svariati piatti. In Molise, un piatto tipico che esalta la qualità del prodotto ittico locale è il brodetto di pesce (U’ Bredette). Nato come piatto povero dei pescatori, al tramonto, scesi dalle paranze, tornavano a casa con la “scafetta“, la loro porzione di pescato ricavata dalla cernita del pesce migliore, destinato alle tavole dei signori a cui aggiungevano, quando il pesce era troppo poco, dei pezzi di scoglio con attaccate alghe e molluschi. Il brodetto è una commistione di sapori marini e terragni, di profumi, di colori.

“Un incantesimo, il cui ricordo resta nel cuore e nella mente”