fisheat

Calamaro (Loligo vulgaris)

calmarNome Comune: Calamaro

Nome Scientifico: Loligo vulgaris

Mesi in cui il prodotto è in commercio: da Settembre a Dicembre

Caratteristiche biologiche ed ecologiche della specie: È caratterizzato da conchiglia interna e corpo allungato con pinne laterali che raggiungono l’estremità posteriore della sacca. Possiede 10 tentacoli di cui 2 più lunghi e ricoperti da più file di ventose. Il colore è roseo-trasparente con venature rosso scuro e violette. Questo pesce presenta un corpo allungato e fortemente compresso, nastriforme. Grande testa, profilo superiore con una cresta prominente sulla nuca; bocca larga con muso allungato e due mandibole con la inferiore che supera ampiamente la superiore, entrambe dotate di denti aguzzi e robusti. Grande occhio e piccola coda biforcuta. Linea laterale obliqua che prosegue dritta nel mezzo dei fianchi. Corpo senza squame. Ano situato circa a metà del corpo. Colore: corpo bianco uniforme argenteo, pinne spesso tinte di giallo pallido; in individui più grandi, colorazione scura sul collo e la parte anteriore della cresta.

Lunghezza massima: 30 a 50 centimetri

Lunghezza minima commerciabile: non prevista

Metodi di cattura: strascico

Qualità alimentare: Il calamaro è un mollusco  che presenta carni dal gusto delicato, che si prestano a svariate ricette. Dal punto di vista nutrizionale il calamaro fornisce un basso apporto in calorie, avendo un basso contenuto in grassi, e un discreto contenuto in proteine e vitamina E. Ricco di sali minerali come ferro, zinco, rame e magnesio. Modesto il contenuto in Omega 3.

Valori nutrizionali:

calamaro1

calamaro2